Domotica e musica: un binomio vincente

Quello tra domotica e musica potrebbe essere un binomio vincente per tutti coloro che sono appassionati di strumenti musicali e di apparecchiature che andranno, a mano a mano, a migliorare la condizione di vita dell’essere umano.

Nel corso del tempo abbiamo assistito a profondi cambiamenti sia nel campo della musica che in quello della domotica: oggi vorrei parlare proprio sul binario che in qualche modo questi due diversi settori viaggiano.

Domotica e musica: il primo senso

Il primo ‘senso’ è la correlazione tra domotica e musica. Proprio come accennato in precedenza, la domotica è un nuovo termine che sta ad indicare numerose tecnologie che vanno a migliorare alcune delle semplici operazioni compiute dall’uomo nel corso della sua giornata.

Anche la musica rientra nelle operazioni di routine di -quasi- ogni essere umano: le soundbar, gli speaker multistanza e gli assistenti vocali stanno rivoluzionando il settore.

Musica e domotica: il secondo senso

Che troverò mai di strano nel secondo senso di questo assurdo binomio? La musica è nata da uno stimolo, da un bisogno di trovare la perfezione nei vari elementi del suono.

Con il passare del tempo l’uomo ha scoperto diversi strumenti musicali che hanno preso una strada ben diversa da quella ‘classica’. La tecnologia sta pian piano prendendo il sopravvento anche nel mondo della musica, che fino a qualche tempo fa era uno dei campi meno intaccati.

Computer, microfoni, semiconduttori e via dicendo sono ora in grado di plasmare la voce umana, di far suonare una chitarra senza corde; addirittura esistono dei videogiochi in cui non ci sono neanche strumenti musicali.

È un bene oppure un male?

Proprio l’altro giorno stavo discutendo con Lorenzo di Domoticafull.it (questo il suo sito web, se volete dare un’occhiata: https://www.domoticafull.it) sulla lenta ma costante trasformazione dell’io inteso come persona in un mondo di automi e macchine digitali.

Ovviamente, io esperto di musica e appassionato del mondo tradizionale, ho e continuo ad avere una visione del mondo totalmente differenza da quella di Lorenzo, super appassionato di tecnologia.

Fatele vostre scelte e portele avanti

Io non sono nessuno per poter dire: “Seguite quella strada” oppure: “La domotica è la miglior cosa del mondo”. L’unico consiglio che voglio darvi è quello di pensare ad una tipologia di idea, plasmarla, studiarla accuratamente e portarla avanti: COSTI QUEL CHE COSTI.

A presto, cari lettori!